Postura: non è solo eleganza

postura

Secondo uno studio diretto dal professor Kennet Hansraj della New York Spine Surgery and Rehabilitation Medicine man mano che aumenta l’inclinazione della testa in avanti il peso che il tratto cervicale deve sopportare aumenta.
Questo studio è diventato famoso negli ultimi tempi in relazione a quella che è stata definita come sindrome da “text neck” dato che è stata associata al tempo speso in questa posizione per l’uso di smartphone e tablet per lo scambio di messaggi e la connessione ai social network.

Ma non è solo questa la causa e non è nemmeno una novità che una postura scorretta mantenuta per molto tempo porti a una serie di problemi sia a breve che a lungo termine.
Basta pensare a come gli studenti di tutto il mondo e di tutti i tempi sono sempre rimasti chini sui libri e sui banchi di scuola, o di come siamo abituati a ignorare quei suggerimenti posturali che conosciamo benissimo… ma dopo un po’ di tempo al lavoro o anche alla guida dell’auto diventano così impegnativi da seguire.

Una flessione mantenuta del collo porta a un allineamento non corretto delle vertebre cervicali, con un aumento del carico supportato dai dischi intervertebrali, tensione dei muscoli posteriori del tratto cervicale e di conseguenza di quello dorsale. Probabilmente anche il resto della schiena non è nella posizione corretta, tendiamo a stare un po’ “gobbi”, limitando il movimento delle coste e schiacciando la zona addominale.
In cosa si traduce tutto ciò? Contratture dei muscoli posteriori del collo e del tronco, ridotta capacità polmonare, compressione degli organi addominali… cioè mal di testa, dolori alla schiena, fiato corto, cattiva digestione. La catena di conseguenze a carico di tutto il corpo sarebbe ancora lunga.

Il nostro corpo è una macchina perfetta, l’avrete sentito dire molte volte, ma come tale richiede un corretto uso e manutenzione per svolgere i compiti che gli affidiamo quotidianamente, che sia andare a lavorare o correre una maratona.

Il mio consiglio è di non trascurare i segnali d’allarme che il corpo ci invia e porvi rimedio il prima possibile secondo le nostre naturali inclinazioni, per non renderlo un obbligo gravoso che difficilmente porteremmo avanti a lungo e con risultati utili, con l’aiuto di un esperto che ci guidi nella scelta e nell’esecuzione di una attività adatta, che sia lo shiatsu, un’attività sportiva, i massaggi, la palestra, lo yoga, la ginnastica posturale o altro.

Posted in News Tagged with: , ,
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar